Nome progetto: Cortexsense

Regione: Lazio

Categoria: Chiesi Farmaceutici Life Sciences

Componenti:

Luca Pazzini – founder, CEO, CTO hardware – lucapazzini@cortexsense.com
Davide Polese – founder, CTO software – davidepolese@cortexsense.com

Idea:

Cortexsense vuole proporsi sul mercato della strumentazione da laboratorio presentando un dispositivo compatto, portatile per l’acquisizione e la stimolazione simultanea di segnali bioelettrici.

Sintesi:

La Cortexsense Board sovverte il classico concetto di strumentazione da laboratorio, grazie alle ridotte dimensioni, la portabilità, l’assenza di fili, la comunicazione WiFi ed il suo design modulare è ideale per applicazioni in mobilità sia nel campo della ricerca che medicale. Attualmente i primi prototipi del sistema all-in-one per l’acquisizione e la stimolazione sono già disponibili ed in fase di validazione. Il Livello di Maturità Tecnologica si attesta a 7-8 nella scala TRL. Il dispositivo rientra nel contesto più ampio delle brain computer interfaces, e consente, ad esempio, di acquisire e stimolare l’attività neuronale in applicazioni ECoG. Ma può trovare impiego in molteplici altri campi, dalla ricerca clinica alla diagnostica e, in futuro, anche in applicazioni consumer quali interfacce per il gaming. Possibili applicazioni sono: elettrocorticografia (ECoG), elettromiografia (EMG), elettroencefalografia (EEG), elettrocardiografia (ECG), neuro-protesi. Le brain computer interfaces (BCI), ad oggi, costituiscono una tecnologia ai primi stadi del suo sviluppo che diverrà una tecnologia consolidata nelle nostre società non prima di 10 anni. L’incentivo a tale sviluppo viene fornito dai diversi programmi di ricerca nazionali ed internazionali sulla tematica brain. In questo contesto, Cortexsense, proponendosi come Spin-off CNR, potrà essere protagonista di questo sviluppo tecnologico.

Curiosita:

L’effetto che suscita il dispositivo agli addetti ai lavori, medici e biologi, quando capiscono che i loro sistemi di acquisizione e stimolazione da banco, alloggiati in ingombranti armadi rack, in un groviglio di cavi e prese elettriche sono sostituiti da una piccola scatolina grande come una carta di credito, collegata al pc tramite solo un cavo USB.

Partnership:

G.Tec – partner commerciale (in fase di contrattazione). Partner scientifici: IDIBAPS, beta tester in applicazioni epicorticali (ECoG); Università di Utrecht, applicazioni ECoG; UAB, applicazioni elettromiografiche (EMG).