Nome progetto: ChemICare

Regione: Piemonte VdA

Categoria: Chiesi Farmaceutici Life Sciences

Menzioni: Social innovation

Componenti:

Beatrice Riva, CEO – assegnista di ricerca in Farmacologia – Dipartimento di Scienze del Farmaco – UPO – beatrice.riva@uniupo.it
Tracey Pirali, CTO – professore associato in Chimica Farmaceutica – Dipartimento di Scienze del Farmaco – UPO – tracey.pirali@uniupo.it

Idea:

Sviluppo di una nuova terapia in grado di regolare l’ingresso di calcio nella cellula, destinata al trattamento di malattie genetiche rare e attualmente prive di cura.

Sintesi:

Esistono alcune malattie rare in cui specifiche mutazioni genetiche causano alterazioni del livello intracellulare di calcio. Queste patologie insorgono in età neonatale o infantile, provocando alcune gravi forme di immunodeficienza, infezioni ricorrenti, progressivo indebolimento muscolare ed emorragie anomale. Tra di esse si annoverano la TAM e le sindromi di Stormorken e York. ChemICare ha brevettato una serie di small molecules in grado di portare il calcio ad un livello fisiologico in quelle condizioni patologiche in cui il suo ingresso nella cellula risulta essere eccessivo o carente. In particolare, le molecole brevettate da ChemICare si sono dimostrate prive di citotossicità ed efficaci sia in modelli cellulari ingegnerizzati che in biopsie di pazienti affetti da TAM. Il progetto è entrato ora nella sua fase cruciale di sviluppo, grazie alla collaborazione con i clinici dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma, centro di eccellenza internazionale nel trattamento di patologie dell’infanzia. ChemICare si pone l’obiettivo imprenditoriale di avviare e coordinare le fasi pre-cliniche nell’arco dei prossimi 24 mesi, acquisendo tutti i dati sperimentali atti a suscitare l’interesse degli investitori nelle Life Sciences e del mondo industriale, in particolare nel settore dei farmaci a designazione orfana.

Curiosita:

I farmaci orfani sono considerati oggigiorno uno degli scenari più floridi dell’industria farmaceutica grazie a: iter semplificati nelle procedure di sperimentazione, approvazione e commercializzazione; investimenti e acquisizioni multimilionari negli ultimi 3 anni (in special modo verso spin-off accademici); rendimenti medi per gli investitori pari al 580% all’avvio dei trials.

Partnership:

ChemICare collabora con specialisti in patologie dell’infanzia, con un particolare focus su malattie muscolari degenerative. Strategica è la partnership con l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma, in cui è attivo l’ambulatorio di malattie rare.